Facciamo ripasso?

Comunicazioni di servizio, comunicazioni dai moderatori...

Moderatore: Alessandra_13

Rispondi
Eva.Martini
Staff GruppiUniti.it
Posts in topic: 1
Messaggi: 779
Iscritto il: 7 ago 2017, 23:53
Città: Schio Vicenza

Facciamo ripasso?

#1

Messaggio da Eva.Martini » 9 dic 2017, 12:09

Da un post in facebook:

In primo luogo, in Italia è illegale somministrare trattamenti sanitari senza consenso.
Sì, anche preventivi. Soprattutto preventivi. Non servono lauree in medicina né in giurisprudenza per capire che violare un diritto oggi per prevenire un possibile, incerto e per nulla certificabile futuro evento, è una semplice scemenza. Seguendo questa logica, si potrebbe ad esempio mettere in galera delle persone oggi perché secondo alcune previsioni forse, probabilmente, in futuro commetteranno un crimine.
In secondo luogo, secondo il diritto italiano un individuo può esprimere un consenso soltanto senza subire pressioni al riguardo, altrimenti tale consenso non è valido.
Se, come è, le vaccinazioni pediatriche possono legalmente venire somministrate SOLO dopo consenso del genitore, l'esistenza stessa di una possibile sanzione che penda sulla decisione invalida totalmente il consenso stesso.
Riassumendo:
- nessuna vaccinazione può venire effettuata senza consenso
sommato a
- nessun consenso sottoposto a sanzione risulta legalmente valido
significa che *nessuna vaccinazione imposta da questa legge è un atto legale*, e il medico responsabile di ciascuna di esse può venire personalmente denunciato presso Tribunali della Repubblica per violazione civile, penale e deontologica.
Che alcuni vaccini siano stati resi obbligatori, ieri, oggi o trent'anni fa senza una emergenza in atto cui potevano in qualche modo limitare dei danni resta dunque senza alcuna eccezione un atto illegale, tant'è che in alcuni casi ci son volute tangenti, come per il vaccino della epatite B per cui proprio la Glaxo pagò 600 milioni di lire all'allora Ministro De Lorenzo.
Quanto alle sanzioni, prima devono venire comminate, poi possono venire contestate, e possono passare anni prima che le famiglie siano eventualmente davvero costrette a pagarle. Anni in cui, se la logica non viene del tutto mandata in pensione, questa legge verrà abrogata e i suoi effetti resi nulli anche retroattivamente.
Stefano Re
IMG-20171209-WA0006.jpg
IMG-20171209-WA0006.jpg (40.08 KiB) Visto 314 volte



EbeMajor
Posts in topic: 1
Messaggi: 64
Iscritto il: 15 set 2017, 19:35
Città: FVG

#2

Messaggio da EbeMajor » 10 dic 2017, 15:05

Riassunto perfetto, grazie!



Rispondi

Torna a “Comunicazioni importanti”