Scopi del progetto e statuto completo CoLis

Rispondi
harrytallarita.art32
Posts in topic: 1
Messaggi: 4
Iscritto il: 16 ago 2017, 1:11
Città: Prato

Scopi del progetto e statuto completo CoLis

#1

Messaggio da harrytallarita.art32 » 18 ago 2017, 12:06

Quanto qui riportato è frutto della mia personale esperienza all’interno del Colap, di cui sono fondatore.
350associazioni aggregate per un totale di oltre mezzo milione di soci iscritti.
Viene da se capire l’influenza politica che abbiamo avuto e che abbiamo all’interno dei palazzi. Essere apartititici e non sposare alcuna bandiera è il modo migliore per fare pressione al governo.
Noi aveva in progetto di proporre una legge sulla liberalizzazione del mercato e presentammo un disegno di legge alla camera dei deputati. Dopo due mesi è diventata la Legge 4 del 2013 a tutela di tutte le professioni non ordinistiche. Uniti si può!
Ho personalmente redatto la prima legge sulle discipline bio naturali per la regione Toscana e grazie a questa anche altre regioni hanno fatto altrettanto, tutelando i cittadini. Abbiamo creato dei tavoli di concertazione e presentato la Dlr ed in 5 mesi è stato approvato. Uniti si può e non è teoria quando ci si unisce con i fatti e non con le parole.
Nel ’98 sono entrato per la prima volta in commissione sanità al senato per la riforma delle professioni sanitarie ed ho toccato con mano..quanto la disgregazione della base giochi a loro favore… su fb non siamo nessuno. Se ufficiali, facciamo paura…perché per loro sono potenziali voti persi reali e censiti. Così vinciamo!

Scopo della proposta:
Replicare le strade intraprese perché vincenti. Uniamoci allo stesso modo ed andiamo in blocco compatto a chiedere: abolizione della legge ed una legge sulla libertà di scelta terapeutica (perché all’interno di questa c’è anche la libertà vaccinale)

Criticità scavalcabili:
molte associazioni storiche del vaccinale hanno avuto scazzi tra di loro e saranno reticenti a questa idea..il mio consiglio è di glissare e creare un blocco compatto. Diamo il buon esempio ed arriveranno anche loro.
Ad oggi ne ho parlato già con alcuni e ci sono pareri favorevoli per andare ad una costituenda di 4-5 associazioni. Ho rifatto i conti e già assumiamo un volume totale di oltre 28.000 soci.
Solo con 4-5 associazioni…
E se vi unite anche voi???
Avete idea??!

Tutela del progetto:
l’assemblea è sovrana
il presidente funge solo da portavoce
nessuna carica eletta deve avere tessere di partito o ricoprire cariche pubbliche, altrimenti fuori!
Ogni associazione o comitato che entra nel Colis, non scompare, rimane autonomo! Entra solo in una associazione di associazioni per portare avanti uno scopo comune…poi ognuno fa quello che vuole nel suo.

Uniti? Dobbiamo esserlo davvero e sulla carta. Quando nei palazzi vedono questo..cambia la storia. Utopia? No! Già fatto in precedenza come scritto sopra.

Grazie

Harry Prof. Tallarita
Associazione Art.32 per la libera scelta
Socio fondatore Colap




STATUTO COLIS


(Approvato dall’Assemblea degli associati in data …..


Art. 1
COSTITUZIONE - SEDE – DURATA

1. È costituita una Associazione denominata “Coordinameto per la Liberetà di scelta, in forma abbreviata CoLiS, apartitica e senza fine di lucro.
2. Il COLIS ha sede legale in………..
3. Il COLIS può costituire comitati territoriali al solo fine di meglio coordinare le azioni comuni di tutti gli associati, sui territori regionali.
4. Il COLIS può aprire uffici di rappresentanza o altre sedi in Italia e all’Estero.
5. Il COLIS ha durata fino al 31 dicembre 2050, salvo proroghe o anticipato scioglimento.

Art. 2
SCOPI

1 Il COLIS ha la finalità di riunire in uno spirito di collegialità e di mutua collaborazione le Libere Associazioni accomunate per statuto dalla richiesta di libertà di scelta terapeutica e vaccinale, per ottenere il riconoscimento dei propri diritti, in ambito europeo, nazionale e regionale. L’associazione si prefigge l’essere un luogo di coordinamento per azioni congiunte e di rappresentare per questi fini, ad ogni livello di intervento, tutte le associazioni aderenti; lasciando inviolata nell’autonomia ed azione, ogni singola associazione aderente quale essa autonoma parte sociale a rappresentanza dei propri iscritti.
2 Il COLIS promuove, sotto qualsiasi forma, la creazione di strumenti idonei a favorire gli iscritti alle Associazioni aderenti, non escluse forme di previdenza, assistenza integrativa e Legale, di comune accordo con tutti i Presidenti e/o rappresentanti delle associazioni aderenti e con e singole risorse delle stesse associate.
3 Il COLIS può aderire ad altre Organizzazioni, Nazionali o Internazionali, che perseguono scopi analoghi a quelli previsti dal presente Statuto.
4 Tutti i rappresentanti delle associazioni associate, che andranno a ricoprire cariche all’interno dell’associazione; a tutela di quanto riportato all’Art.1.1, non dovranno avere tessere di partito o ricoprire cariche pubbliche di nessun ordine o grado, pena la decadenza dalla carica acquisita e la cooptazione al successivo candidato.


Art. 3
ASSOCIATI

1. Possono essere ammesse al CoLiS, come soci: le Associazioni no profit, onlus od altre aggregative, Comitati costituiti, nonché le Federazioni di Associazioni, che ne facciano richiesta, il cui Statuto non sia in contrasto con le finalità del COLIS e che ne condividano gli scopi.
2. La richiesta di adesione a socio deve essere accompagnata dalla delibera dell’associazione o federazione di provenienza con cui si designa il proprio rappresentante ed in cui si accettano i contenuti dello statuto del presente Coordinamento impegnandosi a non intraprendere alcuna iniziativa in contrasto con quella del CoLiS
3. Sono Soci di diritto del COLIS le Associazioni che hanno aderito al CoLiS sino alla data del 30 gennaio 2018 e che manifestano di voler rinnovare la propria adesione firmando il presente Statuto entro sessanta giorni dalla data di registrazione.
4. Sono soci ordinari del CoLiS le Associazioni che aderiscono successivamente alla data di cui al comma 3
5. Sono soci sostenitori i soci che versano una quota annua volontaria fissata dall’Assemblea annuale su proposta del Comitato esecutivo, in aggiunta alla quota annuale.

Art. 4
AMMISSIONE DI NUOVI ASSOCIATI

1 Le richieste di ammissione a Socio devono essere indirizzate al Coordinatore Nazionale ed essere corredate dell’estratto del verbale in cui l’organo statutario competente delle Associazioni ha deliberato la richiesta di adesione, nonché da copia dello Statuto e dell’eventuale regolamento di attuazione e codice etico.
2 Il Comitato esecutivo, esaminata la domanda ed i documenti allegati delibera sull’ammissione del nuovo Associato.
3 L’adesione all'Associazione s'intende a tempo indeterminato con facoltà di libero recesso nel rispetto delle norme statutarie.
4 e deve essere formalizzata dal versamento della quota di iscrizione che, per il primo esercizio annuale è fissata secondo le seguenti modalità:
a) €5 fino a 200 associati
b) Oltre i 200 associati, €10


Art. 5
CESSAZIONE DEL RAPPORTO

1. La perdita della qualità di socio avviene per recesso o per decadenza.
2. La decadenza è comminata per morosità protratta per oltre un anno o per il venir meno dei requisiti richiesti per l’adesione.
3. Per gravissimi comportamenti giudicati contrari agli scopi o agli interessi del COLIS o dannosi per la sua immagine il Comitato Esecutivo, con votazione segreta ed a maggioranza, ne propone la decadenza al Collegio dei Probiviri.





Art. 6
ORGANI DEL COLIS

Sono organi del COLIS:
- l’Assemblea;
- il Comitato esecutivo;
- il Coordinatore Nazionale,
- il Segretario Nazionale,
- il Collegio dei probiviri.

Art. 7
L’ASSEMBLEA

1 All’Assemblea partecipano tutte le Associazioni in regola con i pagamenti della quota associativa; essa è l’organo che riunisce in sé tutti i poteri relativi all’esistenza ed attività del CoLiS.
2 All’Assemblea partecipa il Presidente della Associazione aderente o un suo delegato, purché iscritto all’Associazione o ad altra Associazione aderente al CoLiS e suoi ulteriori rappresentati, in proporzione ad uno aggiunto ogni 500 iscritti nei propri registri sociali.
3 L’Assemblea si riunisce con convocazione del Coordinatore Nazionale da inviarsi con preavviso di almeno 15 giorni. Nella comunicazione, oltre all'ordine del giorno, può essere indicata la data della seconda convocazione, che potrà essere fissata anche nello stesso giorno, a distanza di non meno di un'ora dalla prima.
4 L'Assemblea deve essere inoltre convocata quando ne è fatta richiesta motivata da almeno 1/3 degli associati
5 Ogni associato potrà rappresentare, in forza di delega scritta, solo un altro socio.
6 L'Assemblea è validamente costituita in prima convocazione con la presenza della maggioranza degli associati aventi diritto di voto e delibera con il voto favorevole del 50% più uno dei presenti.
7 In seconda convocazione l'assemblea è validamente costituita con la presenza di qualunque numero di associati aventi diritto al voto e delibera con il voto favorevole della maggioranza.
8 L'Assemblea deve essere convocata almeno una volta l'anno per l'approvazione del bilancio consuntivo e preventivo e per l’elezione a scadenza degli organi associativi.
9 Le deliberazioni assembleari sono prese a maggioranza tranne quelle riguardanti le modifiche al presente Statuto che dovranno contare sul voto favorevole di almeno due terzi dei presenti.
10 Le votazioni per le elezioni del Comitato esecutivo, del Coordinatore Nazionale e del Segretario Nazionale sono effettuate a scrutinio segreto. Tutte le altre votazioni per alzata di mano.



Art 8
IL COMITATO ESECUTIVO

1. II Comitato Esecutivo, eletto dalla Assemblea dei Soci, è composto da 19 membri, oltre al Coordinatore Nazionale e al Segretario Generale.
2. II Comitato Esecutivo è convocato dal Coordinatore Nazionale ogni qualvolta questi lo ritenga opportuno, oppure quando almeno 1/3 dei componenti ne faccia richiesta, con indicazione degli argomenti da trattare.
3. Il Comitato Esecutivo è convocato almeno sette giorni prima di quello fissato per l'adunanza. In caso di urgenza il termine di convocazione si riduce a tre giorni.
4. Le riunioni del Comitato Esecutivo sono valide con la partecipazione della maggioranza dei suoi componenti; le sue deliberazioni sono prese con il voto favorevole della maggioranza dei presenti. In caso di parità prevale il voto di chi lo presiede.
5. II Comitato Esecutivo si deve riunire almeno tre volte l'anno e per la predisposizione del bilancio preventivo e consuntivo.
6. Al Comitato Esecutivo compete:
- dare attuazione agli indirizzi deliberati dalla Assemblea
- curare l'ordinaria amministrazione, proporre all'assemblea le modificazioni dello Statuto e dei Regolamenti per la nomina degli organi direttivi del COLIS;
- redigere il bilancio preventivo e quello consuntivo da sottoporre all'assemblea e curare gli affari di ordinaria amministrazione;
- redigere la relazione annuale, con il programma di attività;
- proporre e realizzare progetti;
- istituire i Comitati territoriali, redigere ed approvare il Regolamento di funzionamento
- costituire apposite commissioni consultive o di studio;
- conferire incarichi e nominare esperti;
- predisporre e/o approvare accordi con altre strutture di rappresentanza e non;
- decidere, a suo insindacabile ed inappellabile giudizio circa le domande di ammissione di nuovi associati;
- proporre le quote annuali e le quote volontarie,
ed ogni altra attività necessaria al raggiungimento degli obiettivi del Coordinamento,
7. Qualora nel corso del mandato venga a mancare per qualsiasi causa uno o più componenti del Comitato Esecutivo, fino ad un terzo degli eletti, i restanti componenti coopteranno i membri mancanti che resteranno in carica fino alla naturale scadenza del mandato del Comitato Esecutivo. Nel caso in cui il Comitato Esecutivo si sia ridotto a meno dei due terzi dei suoi componenti originari, esso s'intenderà automaticamente decaduto e dovrà convocare senza indugio l'Assemblea per nuove elezioni.
8. I componenti del Comitato Esecutivo decadono per revoca da parte degli organi dell'Associazione che li hanno designati
9. nessun membro deve avere tessere di partito o ricoprire cariche pubbliche, a scopo di tutela dei principi di apartiticità ed apoliticità del CoLis., pena la decadenza a rappresentare la carica acquisita.

Art. 9
IL COORDINATORE NAZIONALE

1. II Coordinatore Nazionale rappresenta legalmente il COLIS nei confronti dei terzi ed anche in giudizio. Egli dirige il COLIS, convoca e presiede l'Assemblea ed il Comitato Esecutivo, cura l'esecuzione delle relative deliberazioni, sorveglia il buon andamento amministrativo del COLIS, verifica l'osservanza dello Statuto e dei Regolamenti e porta, dinanzi a terzi le linee guida espresse in forma collegiale dall’assemblea dei soci.
2. Al Coordinatore Nazionale compete l'ordinaria amministrazione del COLIS nel rispetto delle direttive emanate dal Comitato Esecutivo; in casi di necessità ed urgenza il Coordinatore può anche compiere, o delegare, atti di straordinaria amministrazione, ma in tal caso deve contestualmente convocare il Comitato Esecutivo per la ratifica del suo operato.


Art 10
IL SEGRETARIO NAZIONALE

1. Il Segretario Nazionale cura la gestione ordinaria, la predisposizione dei bilanci consuntivi e preventivi, l’organizzazione del coordinamento e mantiene i collegamenti funzionali con le associazioni e le strutture.

Articolo 11
IL COLLEGIO DEI PROBIVIRI

Il Collegio dei Probiviri, nominato dall’Assemblea dei Soci, è composto da tre membri effettivi e due supplenti. Il collegio interviene quale organo giudicante e deliberante al fine di dirimere ogni controversia associativa. A tal fine provvede ad emanare apposito regolamento.

Art. 12
CARICHE ASSOCIATIVE E COMUNICAZIONI

1 Le cariche di cui gli articoli 8, 9, 10, e 11 hanno la durata di tre anni.
2 Le comunicazioni sono pubblicate sul sito del CoLiS e sono valide se inviate per raccomandata o per telegramma o per fax o per e-mail all’ultimo indirizzo comunicato dagli interessati e/o dalle Associazioni aderenti.
3 Tutte le cariche associative sono gratuite.
4 Per essere eletti alle cariche di cui agli articoli 8, 9, 10, e 11 è necessaria la formalizzazione della candidatura almeno 7 giorni prima della data dell’Assemblea. Le candidature presentate vengono portate a conoscenza di tutti gli Associati.

Articolo 13
GESTIONE DELLA ASSOCIAZIONE

1. Oltre alla tenuta dei libri prescritti dalla legge, il COLIS tiene i libri verbali delle adunanze e delle deliberazioni dell'Assemblea, del Comitato Esecutivo ed il libro degli associati.
2. L'anno sociale e l'esercizio finanziario iniziano il 1 gennaio e terminano il 31 dicembre di ciascun anno. Entro il 30 aprile di ciascun anno il Comitato Esecutivo porta in approvazione il bilancio consuntivo del precedente esercizio nonché il bilancio preventivo per l'esercizio successivo.
3. I bilanci ed i libri sociali restano depositati unicamente presso la sede del COLIS, ove possono essere consultati dagli associati.
4. Il COLIS ha obbligo di impiegare gli utili o gli avanzi di gestione per la realizzazione delle attività istituzionali e di quelle ad esse direttamente connesse.
5. I mezzi finanziari sono costituiti dalle quote associative, dai contributi di Enti ed Associazioni, anche terze, da lasciti e donazioni, dai proventi derivanti dalle attività organizzate dal COLIS.
6. L'adesione al COLIS non comporta obblighi di finanziamento o di esborso ulteriori rispetto al versamento della quota annua.
7. I versamenti effettuati non sono restituibili in nessun caso, e quindi nemmeno in caso di scioglimento del COLIS, né in caso di estinzione, di recesso o di esclusione dal COLIS. II versamento non crea altri diritti di partecipazione e segnatamente, non crea quote indivise di partecipazione trasmissibili a terzi, né per successione a titolo particolare né per successione a titolo universale, né per atto tra vivi né a causa di morte.
8. In caso di scioglimento il COLIS ha l'obbligo di devolvere il suo patrimonio ad altre associazioni od organizzazioni non lucrative, salvo diversa destinazione imposta dalla legge.

Articolo 14
ARBITRATO

Qualunque controversia sorgesse in dipendenza dell'esecuzione o interpretazione del presente statuto, qualora non sia demandabile al collegio dei probiviri di cui all’articolo 11, e che possa formare oggetto di compromesso sarà rimessa al giudizio di un arbitro amichevole compositore che giudicherà secondo equità e senza formalità di procedura, dando luogo ad arbitrato irrituale.
L'arbitro sarà scelto di comune accordo dalle parti contendenti; in mancanza di accordo sulla nomina dell'arbitro, provvederà il Presidente del Tribunale di Roma.

Art. 15
NORMA FINALE

Per quanto non stabilito dal presente Statuto si intendono valide le norme di legge



Rispondi

Torna a “Progetto COLIS”