Il ritorno della parotite, soprattutto tra i vaccinati

Rispondi
Chiara Falcioni
Posts in topic: 1
Messaggi: 22
Iscritto il: 23 ago 2017, 9:53
Città: Fano

Il ritorno della parotite, soprattutto tra i vaccinati

#1

Messaggio da Chiara Falcioni » 8 nov 2017, 13:41

Mumps Makes a Comeback, Even Among the Vaccinated

New York Times

https://www.nytimes.com/2017/11/06/well ... nated.html

NOVEMBER 6, 2017

By PERRI KLASS, M.D.

If you think you’ve been seeing mumps in the news more often in the past couple of years, you’re absolutely right.

“Mumps outbreaks are on the rise,” said Dr. Janell Routh, a pediatrician who is a medical officer on the mumps team at the Centers for Disease Control and Prevention. More than 6,000 cases of mumps were reported in the United States last year, the highest number in 10 years. Around 2010, total annual cases were down in the hundreds.

Most of the recent cases occurred in outbreaks, including a large one in Arkansas, rather than as a sporadic here-a-case, there-a-case disease. And most of the outbreaks were among people 18 to 22 years old, most of whom had had the requisite two doses of mumps vaccine in childhood. “We are seeing it in a young and highly vaccinated population,” Dr. Routh said.

In my world, you can date people by their childhood diseases. I’m too young to have had measles, but old enough to have had mumps and chickenpox. Chickenpox I remember as particularly itchy and unpleasant; mumps I remember for the swollen chipmunk cheeks and, as with tonsillitis, a certain amount of ice cream to make painful swallowing easier.

Mumps is a virus that causes swelling of the parotid glands, the salivary glands under the ears, along with some more general symptoms like fever and fatigue. The mumps vaccine was licensed in 1967, based on the Jeryl Lynn strain of mumps, and developed by Dr. Maurice Hilleman, who cultured the virus from his sick daughter.

Mumps is transmitted by droplets of saliva or mucus. It can be spread by coughing and sneezing, but also by sharing cups and the close contact of living and eating and exercising together. Many of the recent outbreaks occurred in college dorms or among athletic teams, as happened with the Syracuse University men’s and women’s lacrosse teams last month. And “we are seeing it in other close-knit communities that tend to live closely together with strong social or cultural interactions,” Dr. Routh said, including religious groups.

Mumps vaccine is now combined with measles and rubella vaccine in the M.M.R., given at ages 1 and 4. But the immunity wanes over time in some people, and with close contact, there can be sufficient exposure to sufficient quantities of virus to overcome the vaccines’ protection.

Dr. Patricia Quinlisk, the medical director and state epidemiologist for the Iowa Department of Public Health, dealt with an outbreak at the University of Iowa and surrounding area in 2015 to 2016 of more than 450 cases of mumps. The students involved had all had their childhood M.M.R. shots, she said, as required by the university, and the decision was made to hold a series of clinics offering a third dose of vaccine.

In an article in September in the New England Journal of Medicine, Dr. Quinlisk and her colleagues traced the importance of waning immunity, and the effectiveness of that third M.M.R. shot in the Iowa outbreak.

“Should this situation occur again, we would give a third dose,” Dr. Quinlisk said. “In our outbreak it did substantially decrease the risk of other students getting mumps, and was instrumental in stopping the outbreak.”

Other strategies to contain the outbreak on campus included education about cough hygiene (for instance, cough into your arm or a tissue), and working with student health services to make it possible for infectious students to isolate themselves, arranging for them to miss classes and retake tests so there was no pressure to break isolation, setting up food delivery services, and providing masks for those who had to use communal bathrooms.

Even if the immunity has dwindled, “we know that two doses of M.M.R. decreases your risk of serious complications,” Dr. Routh said. An important rationale for vaccinating against mumps was always to protect against orchitis, an inflammation of the testicles which used to be relatively common in post-pubertal males who came down with mumps, affecting 20 to 30 percent of them, and sometimes leaving them with loss of testicular tissue, decreased sperm counts and concerns about future fertility. The rate was much lower in vaccinated young adults.

Mumps virus can also more rarely cause inflammation of the ovaries, and even more rarely, though more dangerously, deafness and inflammation of the brain; again, these complications appear to be even rarer in those who have been vaccinated, but they may still occur. And even with 6,000 cases, it can be hard to estimate the frequency of a complication like lasting deafness, which used to occur in about one in every 20,000 cases.

Of course, waning immunity can be a problem after college as well. Dr. Alan Lucerna, the program director for combined emergency and internal medicine at Rowan School of Osteopathic Medicine in New Jersey, reported in February 2017 on a case of mumps in a fully immunized adult, in an article titled “Still a pain in the neck after all this time.”

“A good number of patients who come to the E.R. and are subsequently diagnosed with mumps are vaccinated and come in thinking it was just a lymph node swelling,” Dr. Lucerna said. Adults who develop swelling at the angle of the jaw together with flulike symptoms should think about mumps, he said. “We probably underdiagnose it.”

Should parents worry about sending their children off to college with their two childhood doses of mumps vaccine? “No, we do know that two doses of vaccine is protective,” Dr. Routh said. The current recommendation is that a third dose, while safe, is only warranted for people felt to be at high risk by public health workers, like the Iowa students in the setting of an outbreak. The two childhood doses of M.M.R. do protect most people against getting mumps, and they also, of course protect against measles, a much more serious disease, not to mention rubella.

We’ve heard some people say this proves the vaccine’s not working, but the vaccine probably prevented a lot more students from getting ill,” Dr. Quinlisk said. Immunity does not wane in everyone, so many people who are exposed don’t get sick. “We certainly commend the University of Iowa for having a mandatory vaccine policy which kept it from being worse and prevented complications.”

Parents might want to keep in mind the informal survey done at the Iowa vaccine clinics where students waiting to get their third M.M.R.s were asked why they had come: Were they motivated by the posters on campus bulletin boards or by fear of complications?

“The No. 1 answer by far was: My mother called me and told me to,” Dr. Quinlisk said. “So the emails that went out to parents had a significant impact, and we have told other college campuses to make sure they don’t forget to keep the parents in the loop.”


Traduzione

Il ritorno della parotite, soprattutto tra i vaccinati

(ndt: come una notizia palesemente contro alla teoria delle vaccinazioni viene data in modo da convincere le famiglie a fare il terzo richiamo per gli orecchioni non ancora obbligatorio)

Se pensi di aver visto più spesso le parotite nelle notizie negli ultimi due anni, hai assolutamente ragione.

"I focolai di parotite sono in aumento", ha dichiarato il dottor Janell Routh, un pediatra che è un medico della squadra di parotite presso i Centri per la Controllo e la Prevenzione delle Malattie. Più di 6.000 casi di parotiti sono stati segnalati negli Stati Uniti l'anno scorso, il numero più alto in 10 anni.

La maggior parte dei casi recenti si sono verificati in epidemie, tra cui una grande in Arkansas, piuttosto che come una sporadica malattia qui-una-caso. E la maggior parte degli epidemie erano tra i 18 e i 22 anni di età, la maggior parte dei quali aveva avuto le necessarie due dosi di vaccino contro la parotite in età infantile.

"Lo vediamo in una popolazione giovane e altamente vaccinata", ha detto il dottor Routh. Nel mio mondo, è possibile datare persone dalle loro malattie infantili. Sono troppo giovane per aver avuto il morbillo, ma abbastanza vecchio per aver avuto parotite e varicella. Il morbillo, lo ricordo come particolarmente pruriginoso e spiacevole; gli orecchioni me lo ricordo per le guance gonfie e, come con la tonsillite, una certa quantità di gelato per rendere più facile la deglutizione dolorosa.

La parotite è un virus che provoca gonfiore delle ghiandole parotide, le ghiandole salivari sotto le orecchie, insieme a alcuni sintomi più generali come febbre e stanchezza. Il vaccino contro la parotite fu scoperto nel 1967, basato sul ceppo Jeryl Lynn di parotite e sviluppato dal dottor Maurice Hilleman, che coltiva il virus dalla figlia malata.

La parotite viene trasmessa da gocce di saliva o muco. Può essere diffusa tossendo e starnutire, ma anche condividendo le coppe e il contatto stretto di vivere e mangiare e di esercitarsi insieme. Molti dei recenti focolai si sono verificati nei dormitori di college o tra squadre atletiche, come accaduto con i team di lacrosse degli uomini e delle donne di Syracuse University il mese scorso. E "lo vediamo in altre comunità strettamente legate che tendono a vivere a stretto contatto con forti interazioni sociali o culturali", ha detto il dottor Routh, compresi i gruppi religiosi.

La vaccinazione contro la parotite è ora combinata con il vaccino contro il morbillo e la rosolia nel MMR, data a 1 e 4 anni. Ma l'immunità diminuisce nel tempo in alcune persone e con un contatto stretto può essere sufficiente esposizione a quantità sufficienti di virus per superare i vaccini 'di protezione.

Dr. Patricia Quinlisk, direttore medico e epidemiologo statale per il Dipartimento della sanità pubblica di Iowa, ha affrontato uno scoppio nell'Università di Iowa e nell'area circostante dal 2015 al 2016 di più di 450 casi di parotite. Gli studenti coinvolti avevano avuto tutta la loro infanzia M.M.R. scatti, ha detto, come richiesto dall'università, e la decisione è stata fatta per tenere una serie di cliniche che offrono una terza dose di vaccino.

In un articolo di settembre nel Journal of Medicine di New England, il dottor Quinlisk ei suoi colleghi hanno rintracciato l'importanza dell'immunità in calo e l'efficacia di quel terzo M.M.R. girato nello scoppio dell'Iowa."Se questa situazione si verifichi nuovamente, darei una terza dose", ha detto il dottor Quinlisk.

"Nel nostro focolaio ha ridotto notevolmente il rischio che altri studenti ottengano brufoli e che sia stato strumentale per arrestare lo scoppio".Altre strategie per contenere lo scoppio sul campus includevano istruzione sull'igiene della tosse (ad esempio, tossire nel braccio o su un tessuto) e lavorare con i servizi sanitari degli studenti per consentire agli studenti infettivi di isolarsi, organizzandoli per perdere lezioni e riprendere i test in modo da non esercitare alcuna pressione per rompere l'isolamento, istituire servizi di consegna di prodotti alimentari e fornire maschere per coloro che hanno dovuto utilizzare bagni comuni.

Anche se l'immunità è diminuita, "sappiamo che due dosi di M.M.R. diminuisce il rischio di complicazioni gravi ", ha detto il dottor Routh. Una importante ragione per la vaccinazione contro le parotiti era sempre quella di proteggere contro l'orchite, un'infiammazione dei testicoli che erano relativamente comuni nei maschi post-pubertali che scendevano con la parotite, interessando il 20 al 30 per cento di loro e talvolta lasciandole perdite del tessuto testicolo, i conteggi spermatici diminuiti e le preoccupazioni sulla futura fertilità. Il tasso era molto più basso nei giovani adulti vaccinati.

Anche il virus della parotite può causare più raramente l'infiammazione delle ovaie, e ancor più raramente, anche se più pericolosamente, la sordità e l'infiammazione del cervello; ancora, queste complicanze sembrano essere ancora più rare in coloro che sono stati vaccinati, ma possono ancora verificarsi. E anche con 6.000 casi, può essere difficile stimare la frequenza di una complicazione, come la sordità duratura, che si verificava in circa una ogni 20.000 casi.

Naturalmente, l'immunità cessante può essere un problema anche dopo l'università. Il dottor Alan Lucerna, direttore del programma per l'emergenza combinata e la medicina interna alla Rowan School of Osteopathic Medicine di New Jersey, ha riferito nel febbraio 2017 su un caso di parotite in un adulto completamente immunizzato, in un articolo intitolato "Ancora un dolore al collo dopo tutto questo tempo.

"Un buon numero di pazienti che vengono all'Er. E sono successivamente diagnosticati con parotite sono vaccinati e vengono a pensare che sia solo un gonfiore dei linfonodi ", ha detto il dottor Lucerna. Gli adulti che sviluppano gonfiore all'angolo della mascella insieme a sintomi flulici dovrebbero pensare a parotiti, ha detto. "Probabilmente lo sottovalutiamo."

I genitori dovrebbero preoccuparsi di inviare i loro figli al college con le loro due dosi di infanzia di vaccino contro la parotite? "No, sappiamo che due dosi di vaccino sono protettive", ha detto il dottor Routh. L'attuale raccomandazione è che una terza dose, sebbene sicura, sia garantita solo per le persone ritenute ad alto rischio da parte degli operatori sanitari, come gli studenti di Iowa nell'ambito di un focolaio. Le due dosi di infanzia di M.M.R. proteggono la maggior parte delle persone contro la parotite e anche, naturalmente, proteggono dal morbillo, una malattia molto più grave, per non parlare della rosolia.

Abbiamo sentito alcune persone dicono che dimostra che il vaccino non funziona, ma il vaccino probabilmente impediva a molti studenti di ammalarsi ", ha detto il dottor Quinslisk. L'immunità non diminuisce in tutti, così tante persone esposte non si ammalano. "Certamente crediamo all'Università di Iowa di avere una politica di vaccino obbligatoria che ha impedito di peggiorare e impedire complicazioni".

I genitori potrebbero desiderare di tenere a mente l'indagine informale effettuata presso le cliniche vaccinali di Iowa dove gli studenti in attesa di ottenere il loro terzo M.M.R.s sono stati chiesti perché sono venuti: sono stati motivati ​​dai manifesti sulle bacheche campus o dalla paura di complicazioni?

"La risposta n. 1 era di gran lunga: mia madre mi ha chiamato e mi ha detto", ha detto il dottor Quinslisk. "Quindi le e-mail che sono uscite ai genitori hanno avuto un impatto significativo, e abbiamo detto ad altri campus universitari per assicurarsi che non dimenticare di mantenere i genitori nel ciclo".



Rispondi

Torna a “Sezione INGLESE”